Sprovincializzare l'Italia: la casa editrice Einaudi in Europa (1943-1957)

DSpace/Manakin Repository

Show simple item record

dc.contributor.author MUNARI, Tommaso
dc.date.accessioned 2012-07-06T14:37:49Z
dc.date.available 2012-07-06T14:37:49Z
dc.date.issued 2012
dc.identifier.uri http://hdl.handle.net/1814/22681
dc.description Defence date: 13 June 2012
dc.description Examining Board: Professor Giulia Calvi, EUI (Relatore); Professor Carlo Fumian, Università degli Studi di Padova (Relatore esterno); Professor Ruth Ben-Ghiat, New York University; Professor Federico Romero, EUI.
dc.description.abstract Alla fine della seconda guerra mondiale la casa editrice Einaudi, nata a Torino nel 1933, avvia una politica di sprovincializzazione e aggiornamento della cultura italiana che si traduce in un’azione di consolidamento delle relazioni con i paesi e gli editori europei. L’obiettivo principale di questa ricerca è stato quello di indagare la dimensione europea dell’attività della casa torinese negli anni del dopoguerra e della ricostruzione. A questo scopo si è scelto di adottare un approccio che privilegiasse lo studio dei cultural transfers e di rivolgere l’attenzione ad alcuni casi, momenti e figure che sono parsi più adatti a chiarire i rapporti dell’Einaudi con l’editoria e la cultura europee. Dopo aver ricostruito il progetto di una collana di «Éditions européennes» elaborato da Giulio Einaudi ed Ernesto Rossi durante il loro esilio in Svizzera, tra il 1943 e il 1944, e dopo aver analizzato la delicata fase di passaggio dalla gestione commissariale della casa editrice alla ripresa dell’attività editoriale all’indomani della Liberazione, si è scelto di prendere in esame il rapporto fra l’Einaudi e le case francesi Gallimard e Albin Michel, cercando di mettere in luce i meccanismi di trasferimento e adattamento dei testi acquistati e tradotti in italiano. È stato poi ricostruito il tentativo di «esportare» e far tradurre in Inghilterra uno dei testi più significativi del catalogo einaudiano del dopoguerra: le Lettere dal carcere di Antonio Gramsci. Il rapporto fra l’Einaudi e l’Unione Sovietica è stato invece analizzato e interpretato attraverso tre figure di mediatori culturali: Pietro Zveteremich, Renato Poggioli e Franco Venturi. Si è cercato infine di ripercorrere la storia della casa editrice nel decennio postbellico dal punto di vista della sua politica economica, soffermandosi in particolare sulle ragioni della sua trasformazione, nel 1955, in società per azioni.
dc.language.iso it
dc.relation.ispartofseries EUI PhD theses
dc.relation.ispartofseries Department of History and Civilization
dc.title Sprovincializzare l'Italia: la casa editrice Einaudi in Europa (1943-1957) en
dc.type Thesis en


Files in this item

Files Size Format View

There are no files associated with this item.

This item appears in the following Collection(s)

Show simple item record