Show simple item record

dc.contributor.authorCASARINI, Nicola
dc.date.accessioned2009-09-17T08:42:11Z
dc.date.available2009-09-17T08:42:11Z
dc.date.issued2008
dc.identifier.citationRoma, Senato della Repubblica, 2008en
dc.identifier.urihttp://hdl.handle.net/1814/12529
dc.description.abstractLa Repubblica popolare cinese (RPC) è oggi una grande potenza sul piano sia economico che politico. La sua politica estera ha raggiunto una dimensione globale sviluppandosi, negli anni, su quattro assi principali: (i) miglioramento delle relazioni con i paesi limitrofi al fine di creare un ambiente regionale che favorisca gli scambi commerciali e la crescita dell’economia; (ii) accesso alle risorse naturali nei paesi in via di sviluppo; (iii) ferma opposizione all’egemonia americana e instaurazione di partenariati strategici con grandi e medie potenze in nome della creazione di un ordine internazionale multipolare; (iv) continuazione del processo di ricongiungimento di Taiwan alla madrepatria e repressione di ogni forma di separatismo ai confini – in particolare nelle Regioni Autonome del Tibet e dello Xīnjiāng confinanti con l’Asia centrale. In Asia centrale, la politica estera cinese ha assunto un pronunciato carattere politico-militare. Pechino si è fatta promotrice, dalla metà degli anni Novanta, dell’Organizzazione per la cooperazione di Shangai (Shangai Cooperation Organization, SCO) che include, attualmente, sei membri - Cina, Russia, Kazakistan, Kirghizistan, Tagikistan e Uzbekistan – e quattro paesi osservatori: India, Pakistan, Mongolia e Iran. La SCO si propone di agevolare gli scambi commerciali, la cooperazione energetica e contenere la presenza dell’Occidente nella regione. Le esercitazioni congiunte condotte dai paesi membri della SCO nell’agosto 2007 hanno rappresentato un salto qualitativo nella cooperazione militare e di sicurezza tra i sei paesi membri. Siamo ancora lontani dalla creazione di una NATO dell’Est. Tuttavia, l’intensificarsi della cooperazione militare ha raggiunto un livello tale per cui non si può escludere, a priori, un’evoluzione della SCO in un’organizzazione simile alla NATO. La Cina è – e sarà sempre più negli anni a venire – un formidabile competitore dell’Italia e dell’Europa per quanto riguarda l’accesso alle materie prime e alle risorse energetiche in varie regioni del mondo. L’evoluzione politico-militare della SCO indica inoltre che Russia e Cina cercheranno di limitare sempre più la presenza degli occidentali in Asia Centrale. È nell’interesse nazionale dell’Italia (e in quello più ampio dell’Europa) sviluppare una strategia che consenta di mantenere una presenza – ed influenza – europea in Asia centrale e di evitare la formazione di un blocco politico-militare che escluda l’Europa dall’accesso alle risorse dell’area. A tal fine, l’Italia e l’Europa dovrebbero puntare a una maggiore cooperazione con la Cina, facendo leva eventualmente anche sulle tensioni politiche che sussistono tra Mosca e Pechino. Il dialogo UE-Cina sull’Eurasia dovrebbe essere basato su due punti principali: (i) sviluppo delle rotte commerciali Europa-Cina attraverso la vecchia Via della Seta; (ii) creazione di un partnerariato per la sicurezza in Asia centrale.en
dc.language.isoiten
dc.publisherSenato della Repubblicaen
dc.titleLa politica cinese nel mondo e in Asia centrale. Implicazioni per l'Occidenteen
dc.typeBooken


Files associated with this item

FilesSizeFormatView

There are no files associated with this item.

This item appears in the following Collection(s)

Show simple item record